Gli interventi in zona Torretta

passo dopo passo

Giovedì 16 Luglio 2020

Con un discreto anticipo sul programma dei lavori, anche il settore di allargamento di fronte alle scuole è stato completato

In questa zona l'obiettivo di progetto è il miglioramento delle caratteristiche ambientali del fiume e delle sue vicinanze ma nel contempo proporre un ampio spazio
di svago e relax con un accesso facilitato per la maggior parte degli utilizzatori.
La foto dall'alto con drone evidenzia in modo facile la rampa di discesa con materiale ghiaioso fine, contrapposta alle scogliere di contenimento delle piene fluviali.
L'alveo lo si percepisce dalle increspature dell'acqua ha ora una struttura non omogenea che garantisce un ambiente diversificato e migliore del precedente (e del resto del fiume a monte e a valle).
I macchinari in alveo stanno invece consolidando la sponda opposta del fiume, che si è rivelata erosa. Le foto indicano molto bene la dimensione dei blocchi in pietra naturale che si devono impiegare
per questi interventi di risanamento.
L'erosione del fondo del fiume è nota, continua nel tempo e comunque già oggetto di studi recenti per trovare soluzioni alla sua mitigazione.

In parallelo al termine dei lavori nel settore delle scuole sono iniziati gli interventi presso l'ultima zona di allargamento, quello della Torretta.
Qui sono appena terminati i lavori di esbosco (minimi ma necessari ai lavori) e si è già formata la pista di cantiere d'accesso.
In questo ultimo settore l'obiettivo di progetto è quello della fruizione pubblica del fiume: saranno create ampie zone pianeggianti e erbose di relax, con dei terrazzamenti che degradano verso il fiume
e inducono alla sosta prolungata.
Tutte queste possibilità di avvicinamento e uso del fiume vanno sempre sfruttate con il necessario raziocinio e rispetto: il fiume è sempre una zona di pericolo, con le sue acque fredde, con gli sbalzi repentini del suo livello, con le correnti nascoste e via dicendo.
La gita in canoa (vedi video, per gentile concessione) come pure il bagno e il nuoto si possono fare rispettando le regole di sicurezza. Per questo sono da tempo esposti i cartelli qui ripresi,
nell'ambito della campagna ticinese "Acque sicure".
Buona estate a tutti, ma con prudenza!

 
Giovedì 2 Luglio 2020

Conclusi i lavori al settore delle piscine e iniziati quelli al settore delle scuole

Con il collaudo tecnico ufficiale del 26 giugno, il primo allargamento presso la passerella delle piscine é stato ufficialmente riconsegnato alla popolazione.
Le foto aeree ben illustrano gli elementi essenziali di questa parte del progetto: la zona di accesso a doppia discesa dall'argine insommergibile, la scogliera con la rampa pedonale che scende sino al fiume e la zona fluviale che con la sua nuova eterogeneità del fondale (infissione di massi, ceppaie, ostacoli localizzati) consentira una diversità di habitat (chiamata strutturazione) per migliorare l'ecosistema fluviale.
Si ricorda infatti che questo intervento (dei tre previsti) è quello che pone maggiormente l'accento sull'ottenere un miglioramento dell'ambiente acquatico, ponendo in secondo piano l'accessibilità al fiume da parte della popolazione.
Gli effetti positivi sul fondale si sono già fatti vedere durante la piena improvvisa di domenica 7 giugno scorsa, dove in poche ore il fiume in quella zona ha avuto un aumento di portata da 100 a oltre 650 m3/s.
Il filmato qui sotto ben evidenzia questo improvviso aumento dei livelli dell'acqua.
A inizio giugno sono invece iniziati i lavori di scavo presso la seconda zona, quella di fronte alle scuole.
Attualmente sono in corso i lavori di posa del coronamento superiore dell'ansa creata. Il termine di questi interventi sarà nella seconda metà di luglio.
Il cantiere ha superato indenne l'evento di piena del 7 giugno, grazie anche al sistema di allarme predisposto dal Committente.
Per ricordare comunque la pericolosità del fiume (acque rapide, con aumenti improvvisi di volumi e velocità, temperature fredde, ecc.) nell'ambito della campagna ticinese "Acque sicure" si stanno posando dei cartelli di sensibilizzazione e attenzione.

 

Visualizza il diagramma della piena del fiume Ticino a Bellinzona

 
Venerdì 22 Maggio 2020

Quasi conclusi i lavori al settore delle piscine

La zona di allargamento presso la testata della passerella delle piscine è ormai visibile nella sua forma e aspetto finale, specialmente per quanto riguarda la parte bassa a livello del fiume.

La diga provvisoria di protezione nel fiume è stata rimossa, e il nuovo spazio ad anfiteatro è ora in contatto con il fiume, e le acque vi possono esondare liberamente. Si notano già gli effetti degli interventi di strutturazione del fiume (miglioramento della struttura del fondo a favore dell’ambiente), fatta per creare nuovi ambienti di riproduzione dei pesci, come le ceppaie sommerse o i blocchi sporadici di grosse dimensioni.

Nella nuova scogliera è stata integrata una discesa pedonale in traverso con sassi più piatti e una pendenza minore.
Malgrado i macchinari di cantiere ancora all’opera, all’osservatore attento non sfuggiranno alcuni scoiattoli, che approfittano già di questi nuovi ambienti, o rispettivamente le bisce d’acqua (innocue) che iniziano la colonizzazione delle zone sassose appositamente create allo scopo, a valle dell’allargamento.

La meteorologia favorevole ha consentito un rapido svolgimento dei lavori, che procederanno nei prossimi giorni sulla zona della corona della nuova scogliera, con le finiture e le sistemazioni a verde dei terreni.
In autunno quando il periodo sarà più propizio (meno caldo e secco) si procederà ad una piantumazione mirata di alcuni alberi ad alto fusto adatti alle golene del fiume.

Con tutta probabilità nella prima metà di giugno si potrà già usufruire pubblicamente di questo primo comparto che favorisce l’avvicinamento al fiume, in una zona dove si è aumentato il valore ambientale, interrompendo la monotonia dell’argine inondabile eretto oltre un secolo fa per la correzione del Ticino e la bonifica del piano di Magadino.
Purtroppo, approfittando del giorno festivo infrasettimanale, alcuni maleducati hanno già lasciato dei rifiuti a bordo fiume (littering). La zona, tuttora vietata al pubblico quale area di cantiere cintata, é anche dotata di fotocamere con sensori di movimento (protezione del cantiere). I trasgressori saranno quindi segnalati alle autorità di competenza.

 
Lunedì 18 Maggio 2020

Iniziato il cantiere in zona Torretta - settore piscine

Il 15 aprile scorso ha avuto ufficialmente inizio il cantiere di costruzione delle tre zone di allargamento del fiume situate tra la passerella pedonale delle piscine comunali e la vecchia spalla (resti antichi) del ponte della Torretta.


Dopo i primi lavori di esbosco, avvenuti con la necessaria cautela e sensibilità ambientale vista la presenza conosciuta di colonie di chirotteri, e l'eliminazione manuale ed accurata di specie vegetali infestanti (Poligono del giappone), le ditte incaricate hanno pulito le aree di cantiere, transennandole e demarcandole in sicurezza, e formando un accesso provvisorio veicolare lungo la sponda del fiume.


Attualmente i lavori sono concentrati nella zona della passerella delle piscine, dove gli scavi procedono celermente grazie anche a periodi tutto sommato ancora meteorologicamente favorevoli.

 

La zona di allargamento è infatti stata protetta dalle piene del Ticino con una diga provvisoria posta nel fiume stesso, ma efficace solo fino a determinate quote e portate fluviali. Per piene superiori, prevedibili e predeterminate in fase di progetto, il cantiere potrebbe essere temporaneamente allagato, pur garantendo sempre sia la tenuta complessiva degli argini che la sicurezza delle persone, soprattutto pensando alle maestranze del cantiere. Il tutto secondo un sistema di gestione delle criticità e degli allarmi concordato e accettato da tutte le parti in causa (Committente, cofinanziatori, autorità cantonali e ditte direttamente operanti).

 

Nelle foto si vedono soprattutto dall'alto alcuni momenti intermedi di questo primo mese di attività nell'Allargamento Piscine con la modellazione in scavo dell'anfiteatro e la posa dei massi di granito della nuova scogliera che garantirà in futuro la tenuta alle piene e la possibilità di accedere al fiume. I lavori vengono svolti rispettando le direttive sanitarie per la pandemia, e la protezione dell’ambiente sia terrestre che piscicola. Giornalmente si ottimizza il progetto per ridurre al minimo i transiti veicolari con autocarri da e per il cantiere, utilizzando ad esempio i materiali di scavo se ritenuti idonei al posto di granulati inerti forniti.

 
Mercoledì 11 Marzo 2020

Annullamento cerimonia di avvio dei lavori in zona Torretta

A seguito dei recenti sviluppi e direttive Cantonali relative all’emergenza covid–19 vi informiamo che l’evento relativo alla cerimonia ufficiale di avvio dei lavori in zona Torretta, previsto per domani giovedì 12 marzo 2020 alle 10.45, è annullato.